U.E. – Energia e Impronta idrica (water footprint)

Sebbene le risorse di acqua siano sempre più scarse, molti paesi Europei non tengono conto dell’uso delle risorse idriche nelle politiche energetiche.

Fonte: EU SCIENCE HUB

Qui si quantificano le risorse di acqua dolce necessarie per produrre le diverse fonti di energia nell’UE, mediante il concetto di impronta idrica (WF).

Calcoliamo che i combustibili fossili e l’energia nucleare sono utenti moderati di acqua (136–627 m3 / terajoule (m3 TJ – 1)).

Delle fonti di energia rinnovabile, il legno, l’energia idroelettrica del serbatoio e i biocarburanti di prima generazione richiedono grandi quantità di acqua (9114-137 624 m3 TJ – 1).

I più efficienti dal punto di vista idrico sono l’energia solare, eolica, geotermica e idroelettrica (1–117 m3 TJ – 1).

Per il territorio dell’UE per l’anno 2015, la nostra valutazione geograficamente dettagliata produce un WF di produzione di energia da risorse idriche domestiche di 198 km3, ovvero 1068 litri al giorno per persona.
Il WF del consumo di energia è maggiore poiché l’UE dipende in larga misura dalle importazioni per il suo approvvigionamento energetico, pari a 242 km3 all’anno o 1301 litri per persona al giorno.

Per decarbonizzare e aumentare la quota di energia rinnovabile per l’approvvigionamento energetico, è necessario formulare politiche che tengano conto dell’uso idrico delle fonti energetiche.

Consumo di acqua per settore

Print Friendly, PDF & Email

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.