EEA – Con le persone e per le persone: innovare per la sostenibilità

INNOVARE PER LA SOSTENIBILITA’ – L’innovazione è una priorità politica in tutta Europa che può offrire molti benefici alla società, ma anche generare costi spesso non contabilizzati. Un briefing dell’Agenzia europea dell’ambiente, pubblicato oggi, esamina come l’innovazione può rispondere alle sfide della sostenibilità e come l’Europa deve cercare soluzioni che vanno oltre l’innovazione tecnologica.

Messaggi chiave

  • I risultati e gli impatti dell’innovazione sono spesso imprevedibili, ad esempio le innovazioni tecnologiche possono avere effetti di rimbalzo in quanto una maggiore efficienza può portare ad un aumento dei consumi.
  • Un sistema di innovazione a livello sociale deve servire a uno scopo sociale collettivo: promuovere la sostenibilità a tutto tondo piuttosto che generare rendimenti privati ed esternalizzare i costi sociali e ambientali.
  • Un tale sistema di innovazione richiede una governance che bilanci sperimentazione e precauzione e affronti i risultati e gli impatti imprevedibili dell’innovazione.
  • Il buon governo dell’innovazione consente ai cittadini e alle società di affrontare le grandi sfide attraverso le loro scelte e azioni – e non solo ciò che acquistano – attraverso una partecipazione e un impegno estesi.

L’innovazione come motore del cambiamento

La società sta subendo rapidi cambiamenti. Numerosi motori del cambiamento interagiscono in un’interazione altamente complessa di bisogni, desideri, attività e tecnologie umane (EEA, 2019a) e contribuiscono alla “Grande Accelerazione” nel consumo umano e nel degrado ambientale. Anche il ritmo del cambiamento e la velocità dell’innovazione stanno accelerando, come indicato dalla massiccia diffusione di prodotti e servizi innovativi e dall’integrazione di una cultura guidata dalla tecnologia. Ad esempio, la digitalizzazione fa ormai parte della vita quotidiana per la maggior parte delle persone e per quasi tutti i settori economici. 

Le innovazioni tecnologiche stanno inoltre rapidamente convergendo in nuovi cluster e applicazioni che fondono le tecnologie digitali (ad esempio l’analisi dei big data, l’intelligenza artificiale e le blockchain) con i campi fisici (ad esempio le nanotecnologie) e biologici (ad esempio la biotecnologia), costituendo il nucleo della “quarta rivoluzione industriale”. 

Questi cambiamenti si stanno verificando a un ritmo senza precedenti e su una scala che offre sia opportunità significative che grandi sfide per la sostenibilità (EEA, 2020b). Giì nel 2001, una relazione dell’AEA concludeva: “I crescenti poteri innovativi della scienza sembrano superare la sua capacità di prevedere le conseguenze delle sue applicazioni, mentre la portata degli interventi umani in natura aumenta le possibilità che eventuali impatti pericolosi possano essere gravi e globali” (EEA, 2001). 

Innovazione e novità sono i principi guida della nuova strategia industriale dell’UE (CE, 2020b), una delle forze alla base del Green Deal europeo (CE, 2019a). Lo stesso vale per la strategia Europa 2020 (CE, 2010). Tuttavia, non possiamo conoscere in anticipo i risultati e gli impatti dei processi di innovazione. 

L’innovazione può portare a cambiamenti graduali che possono essere indirizzati verso i risultati desiderati, ma può anche portare cambiamenti dirompenti e conseguenze indesiderate. Le innovazioni tecnologiche possono anche portare a lock-in e dipendenza dal percorso, quando l’adozione su larga scala di una tecnologia richiede lo sviluppo di infrastrutture, influenza l’organizzazione del mercato e influisce sull’ordine sociale. 

CONTINUA