GSE – rapporto “Teleriscaldamento e teleraffrescamento in Italia”

È online la prima edizione del rapporto “Teleriscaldamento e teleraffrescamento in Italia” nel quale il GSE fa il punto sulle caratteristiche e sulla diffusione dei sistemi di teleriscaldamento (TLR) e teleraffrescamento in esercizio sul territorio nazionale a fine 2017, con approfondimenti dedicati sia alle peculiarità delle diverse tipologie di reti e di impianti sia alle volumetrie servite.

I sistemi TLR in esercizio in Italia sono circa 300, diffusi in 240 territori comunali (soprattutto nelle regioni settentrionali del Paese) per un’estensione complessiva delle reti di 4.600 km e oltre 9 GW di potenza installata. Considerando il solo settore residenziale, il TLR soddisfa oggi circa il 2% della domanda complessiva di prodotti energetici per riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria del Paese.

La maggior parte degli impianti a servizio delle reti (84% della potenza) è alimentata da fonti fossili, il restante 16% da rinnovabili (biomassa, geotermia, ecc.) e rifiuti; l’incidenza degli impianti alimentati da rinnovabili diminuisce man mano che cresce la taglia degli impianti. Nel 2017 l’energia complessivamente immessa nelle reti è stata pari a circa 11,3 TWh termici (circa 970 ktep), di cui il 64% prodotta da gas naturale, il 25% da fonti rinnovabili, il restante 11% dalle altre fonti fossili.

Le reti di teleriscaldamento sono oggi ancora largamente prevalenti; negli anni si è tuttavia diffusa anche la presenza di reti di teleraffrescamento, sempre associate a quelle di teleriscaldamento.

Il 73% dei sistemi di teleriscaldamento e il 69% dei sistemi di teleraffrescamento in esercizio in Italia sono efficienti secondo la definizione della Direttiva 2012/27/CE.

Definizioni dei Considerando:
30) «cogenerazione», la produzione simultanea, nell’ambito di un unico processo, di energia termica e di energia elettrica o meccanica;

37) «unità di cogenerazione», un’unità che è in grado di operare in cogenerazione;

38) «unità di piccola cogenerazione», un’unità di cogenerazione con una capacità installata inferiore a 1 MWe;

39) «unità di micro-cogenerazione», un’unità di cogenerazione con una capacità massima inferiore a 50 kWe;

41) «teleriscaldamento e teleraffreddamento efficienti», un sistema di teleriscaldamento o teleraffreddamento che usa per almeno il 50 % energia rinnovabile, il 50 % calore di scarto, il 75 % calore cogenerato o il 50 % una combinazione di tale energia e calore;

42) «riscaldamento e raffreddamento efficienti», un’opzione di riscaldamento e raffreddamento che, rispetto a uno scenario di riferimento che rispecchia le condizioni abituali, riduce in modo misurabile l’apporto di energia primaria necessaria per rifornire un’unità di energia erogata nell’ambito di una pertinente delimitazione di sistema in modo efficiente in termini di costi, come valutato nell’analisi costi-benefici di cui alla presente direttiva, tenendo conto dell’energia richiesta per l’estrazione, la conversione, il trasporto e la distribuzione;

43) «riscaldamento e raffreddamento individuali efficienti», un’opzione di fornitura individuale di riscaldamento e raffreddamento che, rispetto al teleriscaldamento e teleraffreddamento efficienti, riduce in modo misurabile l’apporto di energia primaria non rinnovabile necessaria per rifornire un’unità di energia erogata nell’ambito di una pertinente delimitazione di sistema o richiede lo stesso apporto di energia primaria non rinnovabile ma a costo inferiore, tenendo conto dell’energia richiesta per l’estrazione, la conversione, il trasporto e la distribuzione;

Il documento è disponibile nella sezione Statistiche del sito istituzionale GSE.

INDICE

3.1.1 Diffusione del teleraffrescamento per regione – anno 2017 – pag. 37

3.1.3 Volumetria raffrescata per settore nel 2017 – pag. 39

3.1.4 Diffusione dei sistemi di teleraffrescamento per zona climatica e dimensione demografica dei comuni – anno 2017 – pag. 40

3.3.1 Diffusione dei sistemi di teleraffrescamento efficienti e non efficienti – anno 2017 – pag. 44

4.2.2 Energia estratta dalla rete – pag. 52

Print Friendly, PDF & Email

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.