IEA – COVID-19 e la domanda globale di energia

Fonte IEA – Agenzia internazionale dell’energia

Oltre all’impatto immediato sulla salute, l’attuale crisi ha importanti implicazioni per le economie globali, il consumo di energia e le emissioni di CO 2 . 

La nostra analisi dei dati giornalieri fino a metà aprile mostra che i paesi in pieno blocco stanno registrando un calo medio del 25% della domanda di energia a settimana e paesi in blocco parziale un calo medio del 18%. I dati giornalieri raccolti per 30 paesi fino al 14 aprile, che rappresentano oltre i due terzi della domanda globale di energia, mostrano che la depressione della domanda dipende dalla durata e dalla rigidità dei blocchi.

La domanda globale di energia è diminuita del 3,8% nel primo trimestre del 2020, con la maggior parte dell’impatto avvertito a marzo con l’applicazione delle misure di confinamento in Europa, Nord America e altrove.

La domanda globale di carbone è stata la più colpita, scendendo di quasi l’8% rispetto al primo trimestre del 2019. Tre ragioni sono confluite per spiegare questo calo. La Cina, un’economia basata sul carbone, è stata il paese più colpito da Covid-19 nel primo trimestre; gas a basso costo e continua crescita delle energie rinnovabili altrove hanno sfidato il carbone; e il clima mite ha limitato il consumo di carbone.

Anche la domanda di petrolio è stata fortemente colpita, in calo di circa il 5% nel primo trimestre, principalmente per la riduzione della mobilità e dell’aviazione, che rappresentano quasi il 60% della domanda mondiale di petrolio. A fine marzo, l’attività globale di trasporto su strada era quasi del 50% inferiore alla media del 2019 e il 60% dell’aviazione inferiore.

L’impatto della pandemia sulla domanda di gas è stato più moderato, intorno al 2%, poiché le economie basate sul gas non sono state fortemente influenzate nel primo trimestre del 2020.

Le fonti rinnovabili sono state l’unica fonte che ha registrato una crescita della domanda, trainata da una maggiore capacità installata e dispacciamento prioritario.

La domanda di elettricità è stata notevolmente ridotta a seguito di misure di blocco, con effetti a catena sul power mix. La domanda di elettricità è stata depressa del 20% o più durante i periodi di blocco totale in diversi paesi, poiché gli aumenti della domanda residenziale sono ampiamente compensati dalle riduzioni delle operazioni commerciali e industriali. Per settimane, la forma della domanda assomigliava a quella di una domenica prolungata. Le riduzioni della domanda hanno aumentato la quota di energie rinnovabili nella fornitura di energia elettrica, poiché la loro produzione non è influenzata dalla domanda. La domanda è diminuita per tutte le altre fonti di elettricità, inclusi carbone, gas ed energia nucleare.

Guardando l’intero anno, esploriamo uno scenario che quantifica gli impatti energetici di una recessione globale diffusa causata da restrizioni di mesi alla mobilità e all’attività sociale ed economica. In questo scenario, la ripresa dal profondo della recessione di blocco è solo graduale ed è accompagnata da una sostanziale perdita permanente di attività economica, nonostante gli sforzi di politica macroeconomica.

Il risultato di tale scenario è che la domanda di energia si contrae del 6%, la più grande in 70 anni in termini percentuali e la più grande di sempre in termini assoluti. 

L’impatto di Covid-19 sulla domanda di energia nel 2020 sarebbe più di sette volte maggiore dell’impatto della crisi finanziaria del 2008 sulla domanda globale di energia.

Tutti i carburanti saranno interessati:

La domanda di petrolio potrebbe calare del 9%, o 9 mb / g in media durante l’anno, riportando il consumo di petrolio ai livelli del 2012.

La domanda di carbone potrebbe diminuire dell’8%, in gran parte perché la domanda di elettricità sarà inferiore di quasi il 5% nel corso dell’anno. Il recupero della domanda di carbone per l’industria e la produzione di elettricità in Cina potrebbe compensare un calo più ampio altrove.

La domanda di gas potrebbe calare molto di più nel corso dell’intero anno rispetto al primo trimestre, con una riduzione della domanda di energia e applicazioni industriali.

Anche la domanda di energia nucleare calerebbe in risposta alla riduzione della domanda di elettricità.

La domanda di energie rinnovabili dovrebbe aumentare a causa dei bassi costi operativi e dell’accesso preferenziale a molti sistemi di alimentazione. Anche la recente crescita della capacità, alcuni nuovi progetti online nel 2020, aumenterebbero la produzione.

Secondo le nostre stime per il 2020, la domanda globale di elettricità diminuisce del 5%, con riduzioni del 10% in alcune regioni. Le fonti a basse emissioni di carbonio supererebbero di gran lunga la generazione a carbone a livello globale, estendendo il vantaggio stabilito nel 2019.

Si prevede che le emissioni globali di CO 2 diminuiranno dell’8%, o quasi 2,6 gigatonnellate (Gt), a livelli di 10 anni fa. Una tale riduzione da un anno all’altro sarebbe la più grande di sempre, sei volte più grande della precedente riduzione record di 0,4 GT nel 2009 – causata dalla crisi finanziaria globale – e due volte più grande del totale combinato di tutte le riduzioni precedenti dalla fine della seconda guerra mondiale. Come dopo le precedenti crisi, tuttavia, il rimbalzo delle emissioni potrebbe essere maggiore del declino, a meno che l’ondata di investimenti per riavviare l’economia non sia dedicata a infrastrutture energetiche più pulite e più resilienti.

Print Friendly, PDF & Email

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.